Mo batte Sandy e riporta il sorriso a New York

Arriva subito, solamente sei giorni dopo la fine di questa stagione, solamente sei giorni dopo il secondo disastro in due anni per New York City, dopo Irene arriva Sandy e tornano i brividi, come in quel drammatico 11 Settembre.
Allora la storia sportiva della Grande Mela era stata bruciata dai giovani D-Backs che nel 9°Inning di Gara7 annichilirono lo Yankee Stadium; per rialzarsi dopo Sandy una mano la deve dare lo sport: pronti i Giants a ricordare le vittime nella sfida di NFL contro gli Steelers, pronti Knicks e Nets mettendo un canestro dopo l’altro, pronta anche l’NHL, ancora in lockout, cercando la luce in fondo al tunnel e per trovarla si torna a Manhattan.
Ad essere pronto è anche il baseball, a stagione finita, con le prime trattative scribacchiate sulle scrivanie dei General Manager, nel Bronx, soprattutto, si cerca subito di capire il futuro dei free agent. Le offerte ci sono, ora tocca ai giocatori indovinare il loro futuro.

Già, ma solamente i free agent, ma per gli Yankees il dilemma maggiore riguardava Mariano Rivera, il miglior closer della storia, annunciato il ritiro, la scorsa stagione, la sfortuna lo ha fatto tornare sui suoi passi, bisogna abbandonare con un titolo e lui sembra essere la giusta motivazione.

Il grande closer, scoperto da Stump Merrill, ma esploso definitivamente sotto la guida di Joe Torre, da quel ’95 ha fatto tanto, ma la vera esplosione è arrivata nel ’97 quando da Set-Up divenne Closer. Da quella prima salvezza ne sono arrivate altre 606, l’ultima, contro gli O’s lo scorso aprile sembrava solamente una delle tante, invece l’incubo che fosse l’ultima si è materializzato quando il ginocchio a fatto “crack”, stagione finita, carriera in dubbio e rischio di crollo. A tenerci in piedi ci ha pensato Soriano che però ha detto addio rescindendo il contratto.

Sono state 42 le salvezze di Rafael quest’anno, non un caso, quel 42, numero che vuol dire parecchio nel baseball: quel 15 Aprile 1947, Boston Braves – Brooklyn Dodgers, in quel giorno si scrisse la storia del baseball, quando nel 7°Inning, il 1^Base, il n°42, Jackie Robinson, smorzò la fastball di Sain, corse verso la base, Torgeson raccolse la palla, ma non vide il suo lanciatore accorso verso la 1^ e la mandò verso il right field, Jacky era salvo!
Ci pensò poi Reiser a portare a casa Stanky e il n°42, il “negro”, Brooklyn vinse 5-3 e da allora il n°42 divenne il simbolo della lotta contro il razzismo in America.

Quel numero è stato ritirato da tutte le squadre di MLB, compresi gli Yankees, ma Rivera può ancora indossare quel numero e il suo addio vorrebbe dire addio al #42.

 

Mariano Rivera

Mariano Rivera

L’anno prossimo, veramente per l’ultimo anno, Mariano Rivera lancerà in Major League,
L’anno prossimo, veramente per l’ultimo anno, si vedrà il n°42 indossato in Major League.

(Nico.Nico)

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>